My AB

Smart Working: scelta sostenibile per noi e il pianeta

12 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE

Smart working: un tema tenuto in sordina fino a pochi giorni fa, sta prendendo oggi sempre più piede nelle conversazioni e sulla stampa. In questi giorni concitati caratterizzati dall’emergenza sanitaria, infatti, lo smart working sta diventando la soluzione a cui tutti guardano – almeno chi può attuarlo – per gestire il problema di evitare spostamenti, contatti, ma anche quello dei figli a casa da scuola.

In realtà, come scopriremo insieme proseguendo nel post, smart working non è sinonimo di lavorare da casa, ma un nuovo modo di intendere il lavoro, di porsi degli obiettivi e cambiare atteggiamento, lasciando la mentalità del dipendente (nella sua accezione deteriore) per assumere quella del «manager» del proprio lavoro, rispondendo per quanto effettivamente si è fatto e non per quante ore si è stati seduti alla scrivania.

Smart Working: scelta sostenibile per noi e il pianeta

Cos’è lo smart working e come è la situazione in Italia

Come dicevamo poco fa, la definizione di smart working non è quella di lavorare semplicemente da casa, ma si tratta appunto di un nuovo modello aziendale, in cui non è necessario avere sempre sott'occhio il dipendente seduto alla sua scrivania per verificare che quest’ultimo compia il suo lavoro: al dipendente saranno invece assegnati obiettivi e progetti da perseguire senza vincoli di orario o di luogo di lavoro e da misurare insieme al proprio referente una volta raggiunto il momento della consegna.

Ecco perché parliamo di cambio di mentalità: lo smart working è una rivoluzione per l’organizzazione di un’azienda, prevede l’impegno e la dedizione al lavoro che si fa da parte di tutti, responsabilizzando i dipendenti e al tempo stesso riconoscendo il valore di ciò che fanno.

In questi ultimi mesi lo smart working è disciplinato dal decreto attuativo del 23 febbraio 2020 n. 6 che istituisce la possibilità di adottare il lavoro agile senza bisogno di accordi specifici, ma in generale il riferimento è la Legge 81 del 2017, una norma a lungo attesa che ha permesso l’introduzione dello smart working anche nella pubblica amministrazione.

 

L’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano (nato nel 2012) ne monitora la diffusione e identifica le best practice, al fine di stimolarne l’introduzione; grazie alle ricerche condotte sappiamo che nel 2019:

  • gli smart worker sono ormai circa 570mila, con un aumento del 20% sul 2018
  • sono più soddisfatti e coinvolti nel loro lavoro degli altri dipendenti «tradizionali»: il 76% si dice soddisfatto della sua professione, contro il 55% degli altri dipendenti; uno su tre si sente pienamente coinvolto nella realtà in cui opera e ne condivide valori, obiettivi e priorità, contro il 21% dei colleghi
  • le grandi imprese che hanno avviato progetti di Smart Working sono il 58%, in lieve crescita rispetto al 56% del 2018
  • anche il dato per le PMI è in crescita (dall’8% del 2018 al 12% attuale, a cui aggiungere i progetti informali dal 16% al 18%) ma aumenta anche il dato di quelle aziende disinteressate al tema (dal 38% al 51%)
  • nella Pubblica Amministrazione si registra la crescita più significativa (anche se il ritardo resta significativo): in un anno sono raddoppiati i progetti strutturati (passando dall’8% al 16%), il 7% delle PA ha attivato iniziative informali (l’1% del 2018) e il 6% le avvierà nei prossimi dodici mesi

Perché lo smart working è una grande opportunità

Perché lo smart working è una grande opportunità per lavoratori e aziende…

Tutti i vantaggi dello smart working sono riuniti in poche frasi del sociologo Domenico De Masi, uno dei principali promotori dello smart working e fondatore della SIT – Società Italiana per il Telelavoro, che parlando a un evento dell’ANSA dice: «si risparmia tempo e denaro, si può programmare la giornata e la vita e c'è meno inquinamento in città. In altri paesi il 10-15% dei lavoratori fa smart working, in Italia solo 500mila lavoratori su 23 milioni, una percentuale irrisoria dovuta ad una serie di motivi di carattere culturale».

I principali vantaggi dati dall’adozione dello smart working sono (come riportato ancora una volta dall’Osservatorio) il miglioramento dell’equilibrio tra vita professionale e privata, la crescita della motivazione e del coinvolgimento dei dipendenti, anche se emergono le difficoltà della percezione di isolamento, le distrazioni esterne, i problemi di comunicazione virtuale e la barriera tecnologica.

Fare smart working abbatte le emissioni di CO2

…ma anche per l’ambiente: fare smart working abbatte le emissioni di CO2

I vantaggi elencati riguardano dipendente e azienda, ma l’aspetto più interessante dello smart working è che porta beneficio all’intera comunità e all’ambiente. Basta rifletterci per collegare i due aspetti: limitare gli spostamenti consente di risparmiare tempo ed evitare lo stress, ma anche di ridurre le emissioni di CO2 legate ai mezzi di trasporto.

Se tutti percorressimo a piedi o in bicicletta la distanza tra casa e lo studio o il coworking che abbiamo scelto come sede, o lavorassimo direttamente a casa potremmo ridurre il numero di automobili in circolazione – con conseguente risparmio economico per chi ne può fare a meno – e quindi le emissioni di particolato e altre sostanze inquinanti. Per non parlare, poi, di quelle zone in cui i trasporti pubblici sono carenti o inesistenti – a partire dalle zone appenniniche dell’Italia fino all’Asia e gli Stati Uniti - dove ci si sposta solo in macchina.

qualità dell'aria in lombardia 060320 e 250220

Dati ARPA sulla qualità dell'aria il 25 febbraio 2020 e il 06 marzo 2020

 

Un primo indizio tangibile, anche se mancano ancora studi ufficiali, è quello della qualità dell’aria in Lombardia in questo periodo di emergenza da Coronavirus: in tantissimi lavorano da casa, senza spostarsi, e i dati forniti dall’ARPA - Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente sembrano evidenziare la correlazione tra smart working e minor inquinamento. Confrontiamo le mappe dei giorni 25 febbraio (due giorni dopo il decreto) e del 6 marzo (dopo due settimane): vedremo un miglioramento decisamente significativo.

 

Lo stesso fenomeno, ma con una dimensione decisamente maggiore, è avvenuto in Cina: i dati questa volta sono stati raccolti dalla NASA, che ha evidenziato come la concentrazione di biossido di azoto (NO2) - un gas nocivo emesso da veicoli a motore, centrali elettriche e impianti industriali - sia crollata a causa della riduzione delle attività nelle fabbriche cinesi. Il confronto tra i periodi pre e post quarantena vede una differenza notevole; ancora, per evidenziare meglio la differenza tra questa situazione particolare e la normalità rispetto l’inquinamento in Cina, e mostrare che si tratta davvero di un fenomeno straordinario, gli studiosi della NASA hanno messo a confronto lo stesso periodo di tempo anno su anno.

 

Dati NASA su concentrazione di NO2 in Cina 2020

a sinistra: Dati NASA su concentrazione di NO2 in Cina; confronto periodi 1-20 gennaio con 10-25 febbraio 2020;
a destra: Dati NASA su concentrazione di NO2 in Cina; confronto periodi gennaio-febbraio 2020 e 2019

 

Questa situazione di emergenza potrebbe avere un risvolto positivo, allora: aiutarci a comprendere ancora meglio come incentivare lo smart working e attuare una politica più sostenibile in materia di spostamenti possano essere interventi con un reale impatto sulla qualità dell’aria, la nostra salute e quella dell’ambiente in cui viviamo.

 

Questo impegno riguarda tutti, anche noi

Dai un’occhiata al nostro progetto Penso in Verde

Aziende verdi

Articoli correlati

Lisbona capitale verde europea: spazi verdi, mobilità sostenibile Lisbona nel 2020 è la capitale verde europea: scopri questa bellissima città portoghese e perché è diventata capitale green, tra mobilità sostenibile e verde pubblico 19 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE Moda sostenibile: è possibile? A che punto siamo in fatto di moda e sostenibilità A che punto siamo con la moda sostenibile? Dalla “Carta per la Sostenibilità della Moda” alle azioni dei singoli brand, scopriamo quali passi sono stati fatti 29 gennaio 2020FUTURO SOSTENIBILE Dove andare a Natale: 5 mete ecosostenibili Stai pensando dove passare questo Natale? Ecco 5 mete in tutta Italia per scoprire che una vacanza ecologica non è affatto una vacanza noiosa 20 dicembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Green marketing o greenwashing? Quando le aziende si tingono di verde Le aziende credono veramente nella rivoluzione verde? L’attenzione alle tematiche green ha anche un volto nascosto insidioso, quello del greenwashing 20 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Stop alla plastica monouso: manca poco al 2021, a che punto siamo? L’Unione Europea dal 2021 metterà al bando la plastica monouso: come si sta procedendo in Italia? Quali sono le alternative valide? 6 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE
LEGGI TUTTI