My ABEnergie

Lavorare in smart working dopo l'emergenza coronavirus

1 ottobre 2020FUTURO SOSTENIBILE

Imposto dal lock-down e assunto in maniera emergenziale, lo smart working sta diventando il futuro del lavoro o quanto meno il nostro orizzonte prossimo: non sappiamo per quanto durerà ancora questa situazione e come il mondo del lavoro evolverà, ma cerchiamo insieme di mettere qualche punto fermo su cosa significa lavorare in smart working e le conseguenze che può avere.

Lavorare in smart working dopo l'emergenza coronavirus

Smart working e covid: come sta andando, per adesso, il lavoro agile

Ritrovandoci a lavorare solo da casa – magari in salotto mentre i nostri figli costruivano un accampamento sul divano - l’esperienza che un po’ tutti stiamo facendo dello smart working non è la più calzante per capire se questa modalità ci piaccia davvero o meno.

Già, perché per capire la direzione in cui ci stiamo muovendo è importante analizzare bene la situazione attuale: le maggiori criticità che vengono imputate adesso – mancanza di contatto sociale, cattiva organizzazione, reperibilità h/24 – sono tutte dovute all'uso emergenziale che abbiamo fatto dello smart working.

Le potenzialità dello smart working

Ma prima di approfondire quali sono le reali potenzialità del lavoro agile, osserviamo insieme come è stato percepito fino adesso leggendo il report dell’Osservatorio sullo Smart Working del PoliMi: la ricerca, condotta proprio nel periodo del lock-down tra marzo e maggio, vuole evidenziare i cambiamenti repentini a cui hanno dovuto rispondere i lavoratori in un brevissimo lasso di tempo e come vi si sono adattati, in modo da capire quali passi sono necessari per una vera “fase due” anche dello smart working.

  • Nella fase di lock-down, di maggior emergenza, i lavoratori non hanno avuto la possibilità di scegliere dove lavorare e, per tutti, smart working è diventato sinonimo di lavoro da casa
  • Sul campione osservato, comunque lo smart working è stato ancora di salvezza per la grande maggioranza delle imprese: ben l’80% dei lavoratori del privato (e il 58% del pubblico) ha svolto tutte le attività lavorative senza problemi
  • Prima dell’emergenza, solo il 31% dei lavoratori aveva mai usato la modalità del lavoro agile e, tra questi, solo il 13% in maniera strutturata. Al contrario, il 96% del campione analizzato adesso ha lavorato in remoto, di cui ben il 75% per tutto il tempo, 5 giorni su 5
  • Le criticità legate alla situazione sono state riscontrate da tutti i lavoratori in maniera simile, anche da chi aveva già esperienza di smart working, mentre una differenza da evidenziare è quella di genere: le donne hanno riscontrato maggiori difficoltà, sia per il senso di sconforto (21% contro 13%), sensazioni di ansia e paura (22% contro il 13%) dovute probabilmente al maggior carico di lavoro domestico, cura della famiglia e dei figli. Ancora, è interessante vedere la differenza in base all'età: sono le persone più giovani, i millennials, tra i 25 e i 39 anni, ad aver avvertito maggior senso di isolamento (24%)
  • Il problema maggiore a livello lavorativo, invece, è stato il senso di isolamento rispetto la propria azienda (29%), ma non verso il team di lavoro che sembra abbia retto bene la prova della distanza. Collegato a questo è l’abuso delle comunicazioni: tra chat, mail, videochiamate ecc. il lavoratore si è trovato ad essere sempre reperibile e a inseguire le comunicazioni, impattando negativamente sull'equilibrio vita-lavoro (28%)

 

Insomma, oltre che rispondere alle mancanze di infrastrutture e offrire dotazioni tecnologiche adeguate, il punto nevralgico dell’applicazione dello smart working è costituito dallo sviluppo di un nuovo codice di comportamento rispettoso, con nuove abitudini da stabilire tra azienda e lavoratore e tra i lavoratori stessi. Ma aziende e dipendenti sono pronti?

 

Approfondisci l’andamento dello smart working durante il lock-down

 

Dall’orario al progetto è il vero lavoro agile

Un cambio di prospettiva: dall'orario al progetto è il vero lavoro agile

Il cambiamento più significativo è la nuova mentalità che lo smart working richiede: la difficoltà più grande nella sua applicazione, infatti, è la resistenza culturale.

Fare smart working non significa lavorare da casa con orari flessibili, bensì lavorare per obiettivi concordati con la propria azienda scegliendo come, dove e quando portarli a compimento: tutto un altro concetto rispetto all'essere presenti per 8 ore in ufficio.

 

«Serve una rivoluzione culturale, deve cambiare la cultura di gestione aziendale e la contrattualistica del lavoro»: ecco come riassume questo cambiamento epocale Marco Bentivogli, ex segretario dei metalmeccanici della Cisl ed autore del libro In dipendenti - guida allo smart working, ospite insieme a Mariano Corso, responsabile scientifico dell'Osservatorio smart working del Politecnico di Milano durante la trasmissione radiofonica 24Mattino del 21 settembre.

Secondo Bentivogli, lo smart working è un percorso di innovazione: non è ancora possibile tirare le somme sui suoi risultati perché ancora non lo abbiamo sperimentato a pieno. Ad esempio, il lavoro di gruppo è da tutelare e serve ancora di più la formazione per imparare a rapportarsi al gruppo in modo sano; ancora, smart working non significa lavorare da casa, ma è possibile che le aziende scelgano mini-uffici dislocati sul territorio o che si lavori in coworking. Insomma, dietro alle apparenti difficoltà dell’applicazione dello smart working si nascondono molte opportunità, come la rivitalizzazione delle periferie.

 

Anche il dottor Corso afferma che «non siamo pronti: si confondono ancora gli effetti del Covid con il cambio di un modello organizzativo che dobbiamo ancora vedere». In più, continua, «tante sono le forze reazionarie: contro ogni evidenza si cerca di imbrigliare questo cambiamento per tutelare alcuni interessi e privilegi. Il modo giusto di affrontare lo smart working è invece accompagnare il cambiamento in modo intelligente: le prospettive positive sono molto superiori rispetto i necessari aggiustamenti».

Lo smart working e le città

Lo smart working e le città: un cambiamento di enorme portata

Oltre all'impatto diretto sul mondo del lavoro dipendente, non dobbiamo dimenticare che lo smart working coinvolge tantissimi aspetti, compreso quello delle città e delle attività commerciali.

Le metropoli hanno già iniziato a fare i conti con lo spopolamento dei centri solitamente deputati al lavoro: l’esempio di Milano è emblematico, con il sindaco Sala che ha posto in grande evidenza le contraddizioni di questo periodo, con bar e tavole calde vuote e negozi che lamentano la mancanza di passaggio.

 

Al contrario, però, le periferie, le aree rurali e in generale il sud Italia potrebbero beneficiare immediatamente della possibilità di lavorare anche a migliaia di km di distanza dalla sede della propria azienda. Ragionando a lungo termine, poi, questo impatto positivo ricadrebbe anche su chi ora sembra perderci: veramente vogliamo città del futuro intasate e viste come unica meta di lavoro? Meno persone che si spostano verso gli uffici significa meno pendolarismo quotidiano, meno traffico e inquinamento: una smart city del futuro, come Milano si candida a essere, non può restare ancorata a vecchi paradigmi, ma è necessario che istituzioni e aziende armonizzino il cambiamento, aiutando chi ora è in difficoltà a reinventarsi.

 

Scopri con noi come saranno le città del futuro sostenibili

Aziende verdi Italia

Articoli correlati

Come è cambiata la mobilità sostenibile grazie al bonus mobilità Monopattini e bici elettriche stanno invadendo le nostre città grazie al bonus mobilità: come sta cambiando il nostro modo di muoverci? Scoprilo con noi 15 ottobre 2020FUTURO SOSTENIBILE Zero Waste, cioè vivere senza rifiuti: comincia a piccoli passi Conosci già la filosofia zero waste? Significa vivere senza produrre rifiuti, o il meno possibile. Scopri con noi cosa puoi fare anche tu per limitare gli sprechi 24 settembre 2020FUTURO SOSTENIBILE Ritorno a scuola dopo il Covid: imparare a rispettare l'ambiente Il ritorno a scuola dopo il covid sarà particolare: tanto entusiasmo ma anche nuove riflessioni, magari studiando già a scuola come imparare a rispettare l’ambiente 3 settembre 2020FUTURO SOSTENIBILE L'economia circolare spiegata in modo semplice secondo noi Senti sempre più spesso parlare di economia circolare ma non sai bene di che si tratta? Ci pensiamo noi: leggi il nostro post che spiega i principi base dell’economia circolare 13 agosto 2020FUTURO SOSTENIBILE Le città del futuro: sempre più spazio al verde e alle bici Come saranno le città del futuro? Tra spazi verdi, mobilità sostenibile e nuove idee smart, le città di domani saranno sempre più a misura d’uomo e ambiente 30 luglio 2020FUTURO SOSTENIBILE Scopri la natura che cambia con 3 lavoretti per bambini in estate I tuoi bambini sono a casa da scuola e non sai come impiegare il loro tempo libero? Aiutali a scoprire la natura che cambia con dei lavoretti per bambini creativi 2 luglio 2020FUTURO SOSTENIBILE Sostenibilità e nuovi brand: il mondo della moda riparte dall'eco-fashion In questo momento di crisi stanno nascendo e trasformando tanti nuovi brand di moda sostenibile: scopri con noi perché il mondo del fashion deve ripartire da qui 28 maggio 2020FUTURO SOSTENIBILE 6 Giochi per bambini sulla natura da fare in casa insieme Facciamo scoprire ai nostri bimbi la natura portandola direttamente in casa: scopri i nostri giochi sulla natura per bambini e mettili in pratica in questi giorni 7 maggio 2020FUTURO SOSTENIBILE La bioplastica ci aiuterà davvero a salvaguardare l'ambiente? Cos’è la bioplastica? Può essere davvero questo il mezzo per eliminare la plastica monouso dal nostro ambiente? Scopri con noi la storia di un’azienda che la produce 16 aprile 2020FUTURO SOSTENIBILE 4 esperimenti per bambini da fare in casa e scoprire insieme la natura I tuoi bambini sono a casa da scuola e si annoiano? Ti suggeriamo noi quattro esperimenti per bambini da fare in casa, divertenti e sicuri 9 aprile 2020FUTURO SOSTENIBILE Lisbona capitale verde europea: spazi verdi, mobilità sostenibile Lisbona nel 2020 è la capitale verde europea: scopri questa bellissima città portoghese e perché è diventata capitale green, tra mobilità sostenibile e verde pubblico 19 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE Smart Working: scelta sostenibile per noi e il pianeta Lo smart working è una grande opportunità per lavoratori e aziende ma anche per l’ambiente: scopri con noi gli effetti positivi sull'inquinamento o lo smog 12 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE Moda sostenibile: è possibile? A che punto siamo in fatto di moda e sostenibilità A che punto siamo con la moda sostenibile? Dalla “Carta per la Sostenibilità della Moda” alle azioni dei singoli brand, scopriamo quali passi sono stati fatti 29 gennaio 2020FUTURO SOSTENIBILE Dove andare a Natale: 5 mete ecosostenibili Stai pensando dove passare questo Natale? Ecco 5 mete in tutta Italia per scoprire che una vacanza ecologica non è affatto una vacanza noiosa 20 dicembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Green marketing o greenwashing? Quando le aziende si tingono di verde Le aziende credono veramente nella rivoluzione verde? L’attenzione alle tematiche green ha anche un volto nascosto insidioso, quello del greenwashing 20 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Stop alla plastica monouso: manca poco al 2021, a che punto siamo? L’Unione Europea dal 2021 metterà al bando la plastica monouso: come si sta procedendo in Italia? Quali sono le alternative valide? 6 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE
LEGGI TUTTI