My ABEnergie

Moda sostenibile: è possibile? A che punto siamo in fatto di moda e sostenibilità

29 gennaio 2020FUTURO SOSTENIBILE

Cosa significa, per te, moda sostenibile? Slow fashion, capi belli e resistenti al tempo, tessuti rigenerati, equo compenso, filiera controllata: tutto questo ha come minimo comune denominatore proprio il concetto di moda sostenibile, che non indica affatto un ritorno al modo artigianale di creare tessuti e filati tipico dell’era preindustriale o simili; queste due parole esprimono invece un insieme di significati che possiamo sintetizzare in abiti belli, ben fatti, creati nel rispetto dell’ambiente e di chi ci lavora. Il mondo della moda – così ricco, scintillante tanto da essere abbagliante – nasconde in sé numerose contraddizioni che nuovi brand e nuovi consumatori stanno cercando di eliminare, esponendo i panni sporchi di aziende che giocano sull'ignoranza di chi ne acquista i capi ma, soprattutto, incentivando una presa di coscienza generale rispetto le prassi di questa industria così complessa.

Come per il risparmio di energia elettrica, infatti, siamo noi che nel piccolo delle scelte quotidiane possiamo fare la differenza nell'evoluzione di questo settore verso una moda pulita in ogni senso.

Moda e sostenibilità a che punto siamo

Moda e sostenibilità: quali sono i problemi da risolvere?

Ma perché ci troviamo oggi a parlare di moda sostenibile? Quali sono i problemi su cui dobbiamo riflettere? Innanzitutto sul comportamento di noi consumatori, che dopo aver utilizzato un indumento fin troppo poco tempo, lo gettiamo anziché donarlo o riutilizzarlo; oppure che acquistiamo a ritmi vorticosi nuovi capi di abbigliamento per rincorrere un’evoluzione del fast fashion che ormai propone tante collezioni quanti sono i mesi in un anno. Non si tratta di colpevolizzarci o di non poter comprare cose che ci piacciono, ma di farlo in modo consapevole, ponendoci delle domande: come fa un abito a costare così poco? Di conseguenza, come viene prodotto questo capo? Che materiale è utilizzato? Chi l’ha cucito per noi?

«Who made my clothes» è proprio lo slogan della Fashion Revolution, organizzazione inglese – con ormai propaggini in tutto il mondo – nata dalla riflessione scatenata dalla tragedia avvenuta in Bangladesh il 24 Aprile 2013, quando 1133 persone sono morte e molte altre sono state ferite a causa del crollo del complesso produttivo di Rana Plaza a Dacca: l'edificio di otto piani ospitava gli operai che lavoravano per prestigiosi marchi occidentali, anche se non con appalti diretti.

Questo evento ha avuto grande risonanza nel mondo della moda, che ha iniziato ad aprire gli occhi sulle condizioni di lavoro di chi partecipa al successo di questa industria.

Moda sostenibile Italia

Altro aspetto fondamentale è l’impatto ambientale dei vestiti che compriamo: la stragrande maggioranza delle volte, dopo l’utilizzo vengono semplicemente cestinati e bruciati, sprecando il tessuto di cui sono fatti. Negli ultimi anni si sta cercando di tramutare l’industria della moda, infatti, da una produzione lineare a una circolare: i capi dismessi sono sia sistemati e rivenduti come usato, sia – soprattutto – utilizzati per ricavare tessuti rigenerati. È possibile così dare veramente una seconda vita a un tessuto, che diventerà qualcosa d’altro: ad esempio è di pochi mesi fa la notizia del cachemire rigenerato di Falconeri, ma ci sono tantissimi brand – più o meno piccoli, Stella McCartney vi dice niente? – che stanno lavorando al riutilizzo dei materiali, all'implementazione di una produzione veramente circolare e che riduca l’impatto ambientale, affinché la moda sia veramente etica e sostenibile e questo impegno non rimanga una facciata.

Moda sostenibile Italia: a che punto siamo con il cambiamento?

E in Italia, terra di tante eccellenze della moda, come ci stiamo comportando sul fronte del cambiamento? Oltre alle iniziative lasciate ai singoli, la Camera della Moda si è attrezzata stilando il Manifesto della sostenibilità per la moda italiana (leggi qui il manifesto): un decalogo che comprende tutti gli aspetti che abbiamo citato e di più, stilando quasi una «checklist» che i brand possano seguire per essere sicuri di aver pensato davvero a tutto.

Questo, però, è solo uno degli ultimi provvedimenti presi dal mondo della moda: negli anni già molti brand si sono riuniti in diverse associazioni, dandosi regole proprie e prendendo posizione rispetto questi argomenti così spinosi; ad esempio c’è il Consorzio Detox nato per impulso di Confindustria Toscana nord, ma con invito aperto a tutti.

 

Il tema «green» ormai è una moda, scopri con noi come distinguere

Green marketing e greenwashing

Aziende verdi

Articoli correlati

Scopri la natura che cambia con 3 lavoretti per bambini in estate I tuoi bambini sono a casa da scuola e non sai come impiegare il loro tempo libero? Aiutali a scoprire la natura che cambia con dei lavoretti per bambini creativi 2 luglio 2020FUTURO SOSTENIBILE Sostenibilità e nuovi brand: il mondo della moda riparte dall'eco-fashion In questo momento di crisi stanno nascendo e trasformando tanti nuovi brand di moda sostenibile: scopri con noi perché il mondo del fashion deve ripartire da qui 28 maggio 2020FUTURO SOSTENIBILE 6 Giochi per bambini sulla natura da fare in casa insieme Facciamo scoprire ai nostri bimbi la natura portandola direttamente in casa: scopri i nostri giochi sulla natura per bambini e mettili in pratica in questi giorni 7 maggio 2020FUTURO SOSTENIBILE La bioplastica ci aiuterà davvero a salvaguardare l'ambiente? Cos’è la bioplastica? Può essere davvero questo il mezzo per eliminare la plastica monouso dal nostro ambiente? Scopri con noi la storia di un’azienda che la produce 16 aprile 2020FUTURO SOSTENIBILE 4 esperimenti per bambini da fare in casa e scoprire insieme la natura I tuoi bambini sono a casa da scuola e si annoiano? Ti suggeriamo noi quattro esperimenti per bambini da fare in casa, divertenti e sicuri 9 aprile 2020FUTURO SOSTENIBILE Lisbona capitale verde europea: spazi verdi, mobilità sostenibile Lisbona nel 2020 è la capitale verde europea: scopri questa bellissima città portoghese e perché è diventata capitale green, tra mobilità sostenibile e verde pubblico 19 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE Smart Working: scelta sostenibile per noi e il pianeta Lo smart working è una grande opportunità per lavoratori e aziende ma anche per l’ambiente: scopri con noi gli effetti positivi sull'inquinamento o lo smog 12 marzo 2020FUTURO SOSTENIBILE Dove andare a Natale: 5 mete ecosostenibili Stai pensando dove passare questo Natale? Ecco 5 mete in tutta Italia per scoprire che una vacanza ecologica non è affatto una vacanza noiosa 20 dicembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Green marketing o greenwashing? Quando le aziende si tingono di verde Le aziende credono veramente nella rivoluzione verde? L’attenzione alle tematiche green ha anche un volto nascosto insidioso, quello del greenwashing 20 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE Stop alla plastica monouso: manca poco al 2021, a che punto siamo? L’Unione Europea dal 2021 metterà al bando la plastica monouso: come si sta procedendo in Italia? Quali sono le alternative valide? 6 novembre 2019FUTURO SOSTENIBILE
LEGGI TUTTI