My ABEnergie

Il giornalismo ambientale è sempre più importante: nasce un nuovo Festival a Roma

12 novembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE

Comprendere le notizie sull'ambiente e interpretarle nella maniera migliore è una delle nuove sfide in un mondo sempre più complesso: è ormai chiaro praticamente a tutti quanto l’ambiente e la sua salute possano influire sulla nostra vita, a cominciare dalla salute per investire anche la sfera economica.

Il giornalismo ambientale, allora, ha il ruolo chiave di vagliare le notizie e restituirle ai lettori con il giusto filtro, per riuscire a evitare l’effetto allarmistico – che non ha mai avuto successo – ma mostrando i fatti in maniera seria e supportati da evidenze. Esistono già molte testate online dedicate esclusivamente all'ambiente, come anche molti altri blog simili al nostro, ma una presa di posizione della stampa tradizionale è arrivata finalmente quest’anno: dal 19 al 21 novembre si terrà il primo Festival del giornalismo ambientale, organizzato dal ministero dell’Ambiente, Enea, Ispra e la Federazione Italiana dei Media Ambientali.

Il giornalismo ambientale alla ribalta con il nuovo Festival di Roma

Le notizie sull'ambiente sono a rischio fake-news e disinformazione

Le tematiche ambientali più calde (cambiamento climatico, deforestazione, ecc.) sono sempre fonte di discussione, di prese di posizione di questo o quel politico e di alcune parti del mondo industriale, dato che sono strettamente connesse con i temi economici. Non dobbiamo lasciarci trarre in inganno, però, specialmente da quelle notizie che sembrano «di buon senso»: pensiamo, ad esempio, a chi negava il riscaldamento ambientale perché, in fondo, in quel periodo faceva freddo, ignorando magari la desertificazione incombente e gli incendi in altre aree.

 

Come bene ha raccontato sulla Stampa nel maggio 2019 Annalisa Corrado – ecologista, all'epoca candidata alle Europee per Europa Verde-Possibile – questa «è disinformazione dolosa, che mette in pericolo le persone e contribuisce alla risonanza data alle armi di distrazione di massa, che tengono occupati tutti a discutere […], mentre nessuno si occupa davvero delle cose che contano: ossia di salvaguardare il presente e di garantire un futuro degno al genere umano, a ciascuno di noi».

È qui che comprendiamo al meglio il ruolo che deve assumersi il giornalismo ambientale di qualità: le teorie complottiste e la disinformazione possono essere combattute solo ribattendo notizia su notizia, con dati verificati alla fonte. Togliere spazio di manovra, insomma, ai negazionisti è un servizio fondamentale che il giornalismo ambientale può fare alla comunità. Subito dopo deve seguire il racconto delle opportunità: contrastare il cambiamento climatico non deve significare agli occhi dei lettori l’idea di dover continuamente rinunciare a qualcosa, ma deve anche essere visto come occasione da cogliere. Scegliere processi di economia circolare anzi che lineare, ma anche beneficiare degli investimenti europei del Green Deal, sono tutte ottime premesse per generare un nuovo mercato da cui nasceranno nuove tipologie di imprese.

 

Scopri di più sulle aziende verdi e il loro crescente successo

Buone notizie: a novembre finalmente il primo Festival del giornalismo ambientale

Buone notizie: a novembre finalmente il primo Festival del giornalismo ambientale

Questi concetti sono il cardine attorno cui ruoterà la prima edizione del Festival del giornalismo ambientale di Roma: «Clima, incendi, minacce alla biodiversità, dissesto idrogeologico, rifiuti, sono solo alcune delle emergenze ambientali con cui ci confrontiamo ormai sempre più spesso e ci rendiamo conto di quanto i media giochino un ruolo strategico sia nella diffusione delle corrette informazioni, sia nella prevenzione e resilienza, soprattutto sulle giovani generazioni che sentono gravare su di loro la pesante eredità ambientale che abbiamo lasciato – ha affermato Stefano Laporta, presidente dell'ISPRA alla presentazione del Festival ai microfoni dell’ANSA – Il ruolo del giornalismo ambientale è fondamentale perché è attraverso i media che si arriva a tutti, che si può fare prevenzione, che si può accompagnare il cambiamento per affermare il Green Deal che tutti auspichiamo».

Nonostante la questione del clima sia sempre più sulla bocca di tutti, infatti, è importante che i media sappiano indirizzare con competenza e visione orizzontale la comprensione delle singole notizie che formano il puzzle complesso di questa tematica.

 

Proprio per discutere di buone pratiche e darsi linee comuni, al Festival si incontreranno giornalisti e testate di calibro nazionale. In una tre giorni (dal 19 al 21 novembre) saranno condensate tutte le diverse sfaccettature del giornalismo ambientale, divise in quattro sessioni:

  • informazione al grande pubblico, inchieste, nuovi media e rischio fake-news
  • le emergenze clima e rifiuti
  • le opportunità dell'economia circolare e del Green Deal
  • innovazione tecnologica, smart city, fonti rinnovabili e mobilità sostenibile

«Riteniamo che la svolta verso il Green Deal e la lotta ai cambiamenti climatici debba passare per alcuni temi principali come l'informazione e l'educazione ambientale – ha evidenziato il ministro dell'Ambiente Sergio Costa – la corretta informazione deve essere sempre alla base delle decisioni politiche. Per questo abbiamo deciso di promuovere il Festival al quale sono stati invitati i giornalisti del settore, gli editori, ma anche docenti e soprattutto i giovani, perché il Pianeta lo salviamo solo se tutti diamo una mano».

 

La prima edizione di questo festival è un ulteriore riflettore acceso sulla tematica del giornalismo ambientale e non può che significare un passo avanti nell'ottenere un’informazione sempre più chiara e circostanziata anche in tema ambientale: fondamentale per le nuove generazioni, certo, ma anche per chi ha qualche anno in più e cerca riferimenti sicuri per comprendere il mondo di oggi.

 

Anche noi teniamo molto alla divulgazione ambientale

Scopri perché abbiamo aperto il nostro blog

fiere

Articoli correlati

Come funziona la compensazione CO2? A cosa serve? È sostenibile? Sai cosa sono compensazione della CO2 e carbon credit? Oggi alcune aziende sono sempre più coscienti dell’impatto che hanno sull'ambiente e provano a farsene carico 8 ottobre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Come prosegue la riduzione di emissioni di CO2 dopo il Coronavirus Nel periodo della quarantena c’è stata una forte riduzione delle emissioni di CO2 sia in Italia che all'estero, ma com'è la situazione adesso? Scoprilo con noi 17 settembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Cosa succede alla foresta amazzonica: record di incendi Cosa sta succedendo alla foresta amazzonica? Come mai continua a bruciare e cosa possiamo fare per intervenire? Scopri con noi cosa succede in Brasile 10 settembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE La biodiversità in Italia: un territorio ricchissimo La biodiversità in Italia è un patrimonio prezioso: tra fiumi, il Mar Mediterraneo, Alpi e Appennini, il nostro è un territorio ricco di specie animali e vegetali 27 agosto 2020IL NOSTRO AMBIENTE Rispettare il mare: 10 comportamenti pratici in spiaggia Per continuare a godersi le giornate in spiaggia è importante rispettare il mare: segui i nostri suggerimenti per lasciare il mare pulito come l’hai trovato 6 agosto 2020IL NOSTRO AMBIENTE 5 libri da leggere quest'estate sull'ambiente per tutti i gusti D’estate è bello leggere quei libri che durante l’anno hai dovuto accantonare: recupera il tempo perso con i nostri libri consigliati per l’estate a tema ambiente 23 luglio 2020IL NOSTRO AMBIENTE 3 hotel ecosostenibili in Italia per sfruttare il bonus vacanze Stai programmando un weekend estivo e non sai dove andare? Prova una nuova esperienza e scegli uno degli hotel ecosostenibili in Italia 9 luglio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Vacanze ecosostenibili in Italia in bici anche con i bambini Sai già dove andare in vacanza ad agosto o a settembre? Ci pensiamo noi a suggerirti delle mete per vacanze ecosostenibili, meglio se in bicicletta 25 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Giornata mondiale degli oceani: perché ce ne dobbiamo occupare? Celebrare la Giornata mondiale degli oceani significa fare il punto della situazione del loro inquinamento e capire come prendercene cura sempre meglio 11 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Energie rinnovabili e non rinnovabili: differenze e vantaggi Quali sono le differenze tra energie rinnovabili e non rinnovabili? Scopri con noi quali vantaggi offrono le fonti rinnovabili e perché preferirle 4 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Batteri mangia plastica: ci sono novità sul riciclo della plastica Un nuovo studio ci parla di batteri che mangiano le plastiche più inquinanti: in realtà non è il primo caso, a che punto siamo in questi studi? 30 aprile 2020IL NOSTRO AMBIENTE L'Italia alle prese con il Green Deal e il dossier di Legambiente Il Green Deal è stato approvato: e ora? L’Italia e gli altri paesi europei come faranno fruttare i fondi ricevuti? Scopriamo insieme le prime mosse da fare 26 febbraio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Riforestazione: notizie positive sul fronte del riscaldamento globale Come possiamo combattere il riscaldamento globale? Agendo sull'altro piatto della bilancia, con progetti di riforestazione che si rincorrono in tutto il mondo 4 febbraio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Green Deal europeo: il 2020 inizia con il patto per il clima dell’Unione Europea Con il Green Deal l’Europa diventerà il primo continente a impatto zero entro il 2050 grazie a un fondo da 100 miliardi di euro per favorire una transizione equa 22 gennaio 2020IL NOSTRO AMBIENTE 4 libri da leggere a Natale (o in vacanza sulla neve) sulla sostenibilità A Natale è bello leggere un libro guardando la neve che cade…ma quali libri leggere? Scopri il nostro personale elenco di libri sulla sostenibilità perfetti per Natale 26 dicembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE Educare al rispetto dell’ambiente i bambini in modo semplice e divertente Educare i bambini al rispetto dell’ambiente è nostro compito: basta insegnare poche azioni quotidiane per fare la differenza, scopri con noi come fare 27 novembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE L’Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile Cos’è l’agenda 2030? Scopri con ABenergie quali sono gli obiettivi proposti dall’ONU, e che cosa sta facendo l’Italia a riguardo 6 novembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE
LEGGI TUTTI