My ABEnergie

La lunga storia del dissesto idrogeologico in Italia forse è al capitolo finale

4 febbraio 2021IL NOSTRO AMBIENTE

Argomento che ritorna ciclicamente nelle cronache, il dissesto idrogeologico è ormai un triste leitmotiv del nostro Paese, con episodi che si susseguono sempre più frequentemente, anche a causa del cambiamento climatico. Finalmente, però, sembra che siamo a un punto di svolta: grazie al Green Deal europeo prima e al Next Generation EU (o Recovery Fund) adesso, la programmazione di opere volte a fermare alluvioni e frane potrebbe diventare presto realtà.

La lunga storia del dissesto idrogeologico in Italia forse è al capitolo finale

Il dissesto idrogeologico in Italia: cause di una situazione complessa

Per prima cosa, indaghiamo cosa significa la locuzione dissesto idrogeologico: con esattezza indica la situazione di degrado di un ambiente causata dall'attività erosiva delle acque superficiali (idro-) su rocce argillose e arenacee (-geologico), quindi poco compatte, o su terreni di qualsiasi genere che però hanno subito intensa deforestazione.

Nel linguaggio di tutti i giorni, questa locuzione ha invece esteso il suo significato fino ad indicare i rischi collegati a potenziali fenomeni idrogeologici (frane, alluvioni, erosioni costiere, subsidenze e valanghe) e, insieme, per indicare i danni che questi causano.

 

Già da questo primo approfondimento capiamo che le cause di questi fenomeni sono essenzialmente due: la conformazione del territorio così com’è e – al solito – l’azione dell’uomo.

Impariamo infatti dal sito web della protezione civile che:

  1. Il territorio italiano è caratterizzato da un’orografia complessa (cioè come sono distribuiti i rilievi, colline e montagne) e da bacini idrografici di piccole dimensioni, che si riempiono quindi rapidamente quando piove e altrettanto rapidamente vanno in piena ed esondano. I due fattori combinati insieme, poi, acuiscono in maniera esponenziale i rischi, causando colate di fango e improvvise piene che travolgono i centri abitati a valle
  2. Il fattore umano amplifica queste condizioni naturali: «La densità della popolazione, la progressiva urbanizzazione, l’abbandono dei terreni montani, l’abusivismo edilizio, il continuo disboscamento, l’uso di tecniche agricole poco rispettose dell’ambiente e la mancata manutenzione dei versanti e dei corsi d’acqua hanno sicuramente aggravato il dissesto e messo ulteriormente in evidenza la fragilità del territorio italiano», aumentando il rischio stesso

La situazione del dissesto idrogeologico

 

Insomma, la situazione italiana da questo punto di vista appare piuttosto precaria: il rapporto Istat del 2019 rispetto gli obiettivi dell’agenda 2030 mostrava come l’Italia si collocasse in posizione virtuosa in Ue per il contenuto consumo di risorse naturali (Obiettivo 13) ma vede una popolazione esposta a rischio di frane per il 2,2% e di alluvioni per il 10,4%; è evidente che l’obiettivo 15 – vita sulla terra è ancora ben lontano dall’essere raggiunto.

 

Giusto di un anno fa – anche se sembra passato molto più tempo – è il rapporto di Legambiente sulle ipotesi di azioni da intraprendere per sfruttare al meglio il Green Deal europeo: questo evidenziava come il rapporto tra la spesa per la prevenzione (in media 300 milioni l’anno dal 1998 al 2018) e per riparare i danni causati dal dissesto (un miliardo all'anno in media, considerando che dal 1944 ad oggi sono stati spesi 75 miliardi di euro) fosse di 1 a 4.

Sempre da più voci emerge la necessità di progettare una seria politica di previsione e prevenzione, non più incentrata sulla riparazione dei danni, ma sullo studio approfondito del rischio idrogeologico, volto ad adottare interventi per la sua riduzione.

 

Del Green Deal europeo ne avevamo parlato qui

 

Dissesto idrogeologico, qualcosa si muove sul fronte politico

Dissesto idrogeologico, qualcosa si muove sul fronte politico: 262 milioni per 119 interventi

Eccoci un anno dopo a tirare le fila di queste sollecitazioni: il Green Deal ha rischiato una seria battuta d’arresto a causa della pandemia, ma d’altro canto quest’ultima ha evidenziato come, ormai, la transizione verso un’economia verde è indifferibile.

Tra le continue alluvioni, gli smottamenti all’ordine del giorno e, non ultima, la grande risonanza mediatica che ha avuto la tempesta Vaia dell’autunno 2018, finalmente l’occhio dell’opinione pubblica ha concentrato il suo sguardo sul dissesto idrogeologico, aggiungendo ulteriore stimolo a istituzioni e mondo politico, concretizzato oggi nel Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico 2020 (Piano stralcio, Dl 76/2020).

 

«I lavori non si fermano e non possono fermarsi – afferma il ministro dell'Ambiente Sergio Costa in un comunicato di pochi giorni fa – Stiamo aprendo i cantieri per la tutela del territorio, i più importanti, per proteggere il nostro Paese fragile e affinché non ci siano più tragedie. Si tratta di progetti immediatamente esecutivi e cantierabili».

E prosegue: «Con la stessa legge ai presidenti di Regione che sono commissari straordinari del dissesto idrogeologico abbiamo dato poteri straordinari che riducono del 40% i tempi. Abbiamo inoltre previsto di anticipare ai Comuni il 30% della spesa, in modo da permettere l'attivazione di tutta la procedura per la messa in opera del cantiere».

 

Nella pratica, il Piano prevede l’assegnazione di 262 milioni di euro alle regioni per interventi che abbiano per scopo la prevenzione del dissesto idrogeologico: Piemonte, Lombardia, Veneto e Toscana sono le quattro regioni che hanno presentato progetti - e ottenuto quindi il relativo finanziamento - per un valore maggiore, di circa oltre 20 milioni di euro (30 la Lombardia). Seguono Lazio, Sicilia, Liguria, Puglia, Emilia-Romagna, Campania, Sardegna e Calabria con stanziamenti compresi tra i 10 e i 20 milioni di euro circa; Marche, Abruzzo, Basilicata, Umbria, Friuli-Venezia Giulia, Molise e Valle d’Aosta ottengono stanziamenti per una cifra complessiva inferiore ai 10 milioni di euro.

 

Davanti a noi finalmente vediamo un cambio di rotta, auspicando che questi progetti costituiscano un primo passo concreto verso la cura del nostro territorio, aspetto fondamentale per mettere in sicurezza anche il nostro futuro.

 

E noi, cosa possiamo fare per il nostro territorio?

Prova a seguire i buoni propositi green per il nuovo anno

Italia Polmone verde

Articoli correlati

La raccolta differenziata in Italia e lo sviluppo sostenibile: siamo un’economia davvero circolare? A che punto siamo in Italia con la raccolta differenziata? Scopriamo insieme quanti rifiuti produciamo e quanto siamo diventati bravi a riutilizzarli 6 maggio 2021IL NOSTRO AMBIENTE Giornata della Terra: qualche consiglio per festeggiarla con noi Come sta il nostro pianeta? Da questa riflessione è nata la Giornata della Terra, il momento giusto per impegnarsi in qualche piccolo cambiamento a favore dell’ambiente 22 aprile 2021IL NOSTRO AMBIENTE Foreste gestite in maniera sostenibile: scopri la certificazione PEFC Foreste gestite in maniera intelligente e lungimirante, capaci anche di portare benefici economici al territorio: ecco cosa tratta la certificazione PEFC 4 marzo 2021IL NOSTRO AMBIENTE Una buona notizia per l'ambiente: nel 2020 emissioni in calo, anche se a causa del Covid L’ISPRA certifica quello che tutti pensavamo: il Covid-19 ha portato a una riduzione delle emissioni, ma sarà sufficiente? Scoprilo con noi 7 gennaio 2021IL NOSTRO AMBIENTE I 5 libri sull'ambiente per regali di Natale dell'ultimo momento I libri sono un ottimo regalo di Natale, prova a stupire i tuoi amici con un libro sull’ambiente che li aiuterà a comprendere un tema sempre più attuale 23 dicembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Giornata della montagna 2020: culla fondamentale di biodiversità L’11 dicembre di ogni anno celebriamo la giornata della montagna, per ricordarci ogni volta della sua importanza, sia per l’ecosistema che per l’uomo 10 dicembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Il cambiamento climatico è reale? Attenzione alla disinformazione Il cambiamento climatico è reale? In troppi ancora pensano che non esista, negando i cambiamenti che ormai vediamo. Scopriamo insieme cosa sta succedendo 26 novembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Il giornalismo ambientale è sempre più importante: nasce un nuovo Festival a Roma Ambiente e sostenibilità sono due temi sempre più importanti e così lo è anche informarsi correttamente: ecco perché nasce il Festival del giornalismo ambientale 12 novembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Come funziona la compensazione CO2? A cosa serve? È sostenibile? Sai cosa sono compensazione della CO2 e carbon credit? Oggi alcune aziende sono sempre più coscienti dell’impatto che hanno sull'ambiente e provano a farsene carico 8 ottobre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Come prosegue la riduzione di emissioni di CO2 dopo il Coronavirus Nel periodo della quarantena c’è stata una forte riduzione delle emissioni di CO2 sia in Italia che all'estero, ma com'è la situazione adesso? Scoprilo con noi 17 settembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE Cosa succede alla foresta amazzonica: record di incendi Cosa sta succedendo alla foresta amazzonica? Come mai continua a bruciare e cosa possiamo fare per intervenire? Scopri con noi cosa succede in Brasile 10 settembre 2020IL NOSTRO AMBIENTE La biodiversità in Italia: un territorio ricchissimo La biodiversità in Italia è un patrimonio prezioso: tra fiumi, il Mar Mediterraneo, Alpi e Appennini, il nostro è un territorio ricco di specie animali e vegetali 27 agosto 2020IL NOSTRO AMBIENTE Rispettare il mare: 10 comportamenti pratici in spiaggia Per continuare a godersi le giornate in spiaggia è importante rispettare il mare: segui i nostri suggerimenti per lasciare il mare pulito come l’hai trovato 6 agosto 2020IL NOSTRO AMBIENTE 5 libri da leggere quest'estate sull'ambiente per tutti i gusti D’estate è bello leggere quei libri che durante l’anno hai dovuto accantonare: recupera il tempo perso con i nostri libri consigliati per l’estate a tema ambiente 23 luglio 2020IL NOSTRO AMBIENTE 3 hotel ecosostenibili in Italia per sfruttare il bonus vacanze Stai programmando un weekend estivo e non sai dove andare? Prova una nuova esperienza e scegli uno degli hotel ecosostenibili in Italia 9 luglio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Vacanze ecosostenibili in Italia in bici anche con i bambini Sai già dove andare in vacanza ad agosto o a settembre? Ci pensiamo noi a suggerirti delle mete per vacanze ecosostenibili, meglio se in bicicletta 25 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Giornata mondiale degli oceani: perché ce ne dobbiamo occupare? Celebrare la Giornata mondiale degli oceani significa fare il punto della situazione del loro inquinamento e capire come prendercene cura sempre meglio 11 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Energie rinnovabili e non rinnovabili: differenze e vantaggi Quali sono le differenze tra energie rinnovabili e non rinnovabili? Scopri con noi quali vantaggi offrono le fonti rinnovabili e perché preferirle 4 giugno 2020IL NOSTRO AMBIENTE Batteri mangia plastica: ci sono novità sul riciclo della plastica Un nuovo studio ci parla di batteri che mangiano le plastiche più inquinanti: in realtà non è il primo caso, a che punto siamo in questi studi? 30 aprile 2020IL NOSTRO AMBIENTE L'Italia alle prese con il Green Deal e il dossier di Legambiente Il Green Deal è stato approvato: e ora? L’Italia e gli altri paesi europei come faranno fruttare i fondi ricevuti? Scopriamo insieme le prime mosse da fare 26 febbraio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Riforestazione: notizie positive sul fronte del riscaldamento globale Come possiamo combattere il riscaldamento globale? Agendo sull'altro piatto della bilancia, con progetti di riforestazione che si rincorrono in tutto il mondo 4 febbraio 2020IL NOSTRO AMBIENTE Green Deal europeo: il 2020 inizia con il patto per il clima dell’Unione Europea Con il Green Deal l’Europa diventerà il primo continente a impatto zero entro il 2050 grazie a un fondo da 100 miliardi di euro per favorire una transizione equa 22 gennaio 2020IL NOSTRO AMBIENTE 4 libri da leggere a Natale (o in vacanza sulla neve) sulla sostenibilità A Natale è bello leggere un libro guardando la neve che cade…ma quali libri leggere? Scopri il nostro personale elenco di libri sulla sostenibilità perfetti per Natale 26 dicembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE Educare al rispetto dell’ambiente i bambini in modo semplice e divertente Educare i bambini al rispetto dell’ambiente è nostro compito: basta insegnare poche azioni quotidiane per fare la differenza, scopri con noi come fare 27 novembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE L’Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile Cos’è l’agenda 2030? Scopri con ABenergie quali sono gli obiettivi proposti dall’ONU, e che cosa sta facendo l’Italia a riguardo 6 novembre 2019IL NOSTRO AMBIENTE
LEGGI TUTTI