My ABEnergie

Nuove etichette energetiche e diritto alla riparazione per gli elettrodomestici

1 aprile 2021NUOVE ENERGIE

Un elettrodomestico che non sia troppo costoso da utilizzare e che duri nel tempo: in poche parole è questo che cerchiamo tutti quando dobbiamo arredare casa per la prima volta oppure rimpiazzare quell’apparecchio ormai troppo vecchio e malandato o, perché no, inserire quella comodità in più che ci facilita la vita.

Da un mese circa la nostra caccia all’elettrodomestico perfetto è un po’ più semplice: sì, perché l’Unione europea ci viene incontro con il diritto alla riparazione e nuove etichette energetiche.

Nuove etichette energetiche e diritto alla riparazione per gli elettrodomestici

Stop all’obsolescenza programmata: pezzi di ricambio e riparazione sono un diritto

«Vista la condizione della sua lavatrice c’è poco da fare, conviene prenderne una nuova perché i pezzi di ricambio oggi sono introvabili»: quante volte vi siete sentiti dire così da un tecnico che cercava di mettere mano al frigo o ad altri apparecchi? Beh, non siete certamente i soli dato che dal 1° marzo 2021 l’Unione Europea ha imposto nuove norme ai produttori degli elettrodomestici che garantiscono finalmente il diritto alla riparazione per 10 anni.
 

 

La cultura dell’usa-e-getta nata con il boom economico degli anni ’60 sta giustamente tramontando grazie a una nuova consapevolezza e alla spinta non indifferente delle ultime crisi economiche: perché gettare qualcosa che potrebbe durare ancora molto tempo con un po’ di manutenzione?

Il problema dello smaltimento dei rifiuti, infatti, non è indifferente: consumiamo molta energia e risorse per produrre l’elettronica necessaria per elettrodomestici e dispositivi che sono parte della nostra quotidianità, e non riflettiamo abbastanza sull’inquinamento che comporta smaltire una lavatrice o un frigorifero.

La risoluzione del Parlamento Europeo ha ripreso la legge francese del 2016 contro l’obsolescenza programmata, rispondendo così sia alla scarsità delle risorse naturali che all’aumento dei rifiuti e al diritto dei consumatori di non essere costretti ogni pochi anni a cambiare i propri elettrodomestici.

 

L’Europa e il Green Deal: un percorso verso l’economia sostenibile

Nuove etichette energetiche per gli elettrodomestici

Nuove etichette energetiche per gli elettrodomestici

L’altro lato della questione elettrodomestici è quello delle nuove etichette energetiche: sempre dal 1° marzo 2021 chi vorrà comprare una nuova lavastoviglie, lavatrice, frigorifero o televisore troverà una legenda un po’ diversa rispetto quella cui siamo abituati oggi. Semplicemente, la scala di valori torna ad essere distribuita dalla A alla G con dei nuovi inquadramenti molto più precisi e richieste più esigenti per la classificazione.

“Scalare” la vetta di queste nuove etichette per le aziende significa investire molto in innovazione e in attenzione per l’ambiente: inizialmente la categoria A sarà vuota e gli apparecchi redistribuiti lungo tutta la scala; oggi, infatti, quasi tutti i prodotti sono classificati come A+, A++ e A+++, fatto che non aiuta a distinguere un reale valore o vantaggio per il consumatore, poiché la differenza è poco evidente.

 

Agire sulle abitudini di consumo è solo il primo passo

La lotta all’obsolescenza programmata e allo spreco di apparecchiature elettroniche ha preso finalmente il via, anche se naturalmente resta molto da fare:

  • le nuove norme al momento si applicano soltanto a lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi e schermi, tra cui i televisori: da settembre le stesse norme varranno anche per le lampadine, ma ancora non interessano smartphone e in generale i dispositivi elettronici, che sono molto più soggetti al ricambio continuo e, allo stesso tempo, il loro dispendio energetico e impatto sull’ambiente è poco considerato
  • i pezzi di ricambio dovrebbero essere standardizzati perché la misura introdotta sia un vero successo, o quantomeno i componenti principali resi universali, in modo da agevolare le riparazioni che oggi richiedono diversi strumenti anche solo per smontare gli apparecchi e accedere alle parti da sostituire

In questa logica si sta già muovendo la Commissione Europea che lavora al prossimo passo, cioè richiedere la standardizzazione dei caricabatterie per ridurre i rifiuti elettronici o, ancora, etichette che illustrino la vita utile di un prodotto, espressa in numero di cicli o in durata temporale.

Insomma, introducendo misure per allungare la vita degli elettrodomestici l’Unione Europea raggiunge il doppio scopo di tutelare sempre meglio i propri consumatori e di limitare gli sprechi e gli scarti di materiale elettrico, spesso difficili da smaltire, contenendo quindi anche l’inquinamento ambientale.

 

E noi cosa possiamo fare?

Segui i consigli di ABenergie per non sprecare energia con il riscaldamento

Risparmio

Articoli correlati

Smart Working e bollette: difendersi dai rincari di ottobre Uno dei pochi lati negativi dello Smart Working è l’aumento dei consumi e quindi del costo delle bollette, ma attenzione soprattutto ai rincari legati ai prezzi delle materie prime 2 settembre 2021NUOVE ENERGIE I Bitcoin e l'inquinamento: anche il mondo digitale crea emissioni Bitcoin e gas serra ti sembrano due argomenti molto distanti? In realtà per alimentare la rete bitcoin è necessaria una grande produzione di energia e così inquinamento 5 agosto 2021NUOVE ENERGIE I batteri restauratori ripuliscono i marmi di Michelangelo Grazie alle biotecnologie oggi sappiamo utilizzare i batteri in maniera mai vista: l’ultima notizia è dei batteri restauratori, ma ci sono anche batteri perfetti per aiutare il pianeta 8 luglio 2021NUOVE ENERGIE La nuova bellezza passa dal packaging sostenibile e dallo shampoo solido Uno stile di vita sostenibile passa anche dal packaging dei prodotti che usiamo quotidianamente: ecco perché lo shampoo solido è il simbolo della rivoluzione del mondo beauty 15 aprile 2021NUOVE ENERGIE Energia solare nel deserto: una scommessa tutta da vincere E se riuscissimo a utilizzare l’energia solare del deserto, cosa succederebbe? In tanti ci hanno pensato e sono fioriti diversi progetti: scopriamoli insieme 25 marzo 2021NUOVE ENERGIE La tecnologia a servizio della salute: la telemedicina è il futuro della sanità? Monitorare i pazienti direttamente a casa loro: la telemedicina è il mezzo per una rivoluzione dell’assistenza medica a distanza. Interessante, vero? 28 gennaio 2021NUOVE ENERGIE La transizione energetica in Italia: dall'agenda 2030 al progetto di Terna Passare a un’energia pulita, attuare la decarbonizzazione deve essere un obiettivo primario: oggi scopriamo l’esempio di Terna che ha avviato la transizione energetica 14 gennaio 2021NUOVE ENERGIE Energia solare: vantaggi e svantaggi di questa energia rinnovabile Come si sfrutta l’energia solare, una delle principali tipologie di energia rinnovabile? E come funzionano i pannelli fotovoltaici? Scoprilo con noi 17 dicembre 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare sul riscaldamento e sull'energia d'inverno Ridurre le bollette e conservare un bel tepore in casa nei freddi mesi invernali, chi non lo vorrebbe? Scopri con noi come risparmiare sul riscaldamento in inverno 3 dicembre 2020NUOVE ENERGIE La raccolta differenziata e i suoi vantaggi: perché fa bene a noi e al pianeta Ormai la raccolta differenziata è diventata un’abitudine, ma ci ricordiamo come mai è meglio dividere i rifiuti? Scopri con noi tutti i vantaggi della differenziata 29 ottobre 2020NUOVE ENERGIE Energia idroelettrica: la potenza dell'acqua al nostro servizio Scopri con noi cos’è l’energia idroelettrica e come l’uomo la sfrutta da decenni per produrre energia pulita: tutta la potenza dell’acqua per noi 20 agosto 2020NUOVE ENERGIE Come migliorare l'efficienza energetica di casa e sfruttare il decreto rilancio Migliorare l’efficienza energetica di casa conviene a te e all'ambiente: ecco cosa puoi fare per migliorare le prestazioni energetiche e sfruttare il decreto rilancio 16 luglio 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare con il condizionatore per bollette leggere anche d'estate Come risparmiare con il condizionatore quando fuori casa fa caldissimo? Leggi il nostro post e scopri i consigli per usare il condizionatore al meglio e risparmiare 18 giugno 2020NUOVE ENERGIE Come funziona l'ecobonus al 110% previsto dal Decreto Rilancio Vuoi sapere se puoi beneficiare del nuovo ecobonus e sismabonus ma ti è poco chiaro? Scopri con noi come funziona l'ecobonus al 110% previsto dal Decreto Rilancio 21 maggio 2020NUOVE ENERGIE Cos'è l'architettura ecosostenibile e come applicarla nelle nostre case Forse non ci hai mai pensato, ma anche la tua casa può essere ecologica. Come? Con l’architettura ecosostenibile: scopri con noi qualche esempio da cui trarre ispirazione 14 maggio 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare energia elettrica: i consigli (e un aiuto) di ABenergie Leggi il nostro decalogo di azioni pratiche e semplici per risparmiare energia elettrica in casa, consumando meno e risparmiando denaro 23 aprile 2020NUOVE ENERGIE Tariffa monoraria o bioraria, oppure trioraria: quale conviene? Tariffa monoraria o bioraria, oppure ancora trioraria: scegliere sembra complicato, ma non lo è. Leggi il nostro post per capire quale tariffa ti conviene di più 5 marzo 2020NUOVE ENERGIE Auto elettriche pro e contro: sono davvero ecologiche? Prima di acquistare un’auto elettrica ci sono molti aspetti da considerare. Scopri con noi tutti i pro e contro dell’auto elettrica 12 febbraio 2020NUOVE ENERGIE Ecobonus 2020 e detrazioni fiscali: iniziamo l'anno all'insegna della riqualificazione Nella nuova legge di bilancio, ecobonus e detrazioni fiscali per le aziende sono rinnovate anche per il 2020. Come funzionano? Ecco tutte le informazioni pratiche 15 gennaio 2020NUOVE ENERGIE Energia eolica: vantaggi e svantaggi di questa fonte rinnovabile Si sente sempre parlare di quanto l’eolico possa funzionare in Italia, ma è vero? Quali vantaggi e svantaggi comporta questa forma di energia pulita? 4 dicembre 2019NUOVE ENERGIE
LEGGI TUTTI