My ABEnergie

I batteri restauratori ripuliscono i marmi di Michelangelo

8 luglio 2021NUOVE ENERGIE

Avresti mai pensato che i batteri fossero utili anche nel mondo dell’arte? Eh, sì: grazie a una speciale “squadra” di batteri, i restauratori impegnati nella pulitura dei marmi dei monumenti funebri delle Cappelle Medicee a Firenze hanno potuto riportare al colore originario le sculture, rimuovendo anni di sporcizia senza intaccarne minimamente la superficie. Questi minuscoli esseri viventi, che siamo abituati ad associare a malattie e a eventi negativi, hanno dimostrato tutta la loro potenzialità anche come “biopulitori”, ponendo le basi per un futuro impiego in tantissimi altri campi diversi.

I batteri restauratori ripuliscono i marmi di Michelangelo

I batteri restauratori della collezione ENEA al servizio di Michelangelo

Come ripulire anni e anni di depositi di sporcizia e polvere su marmi di valore inestimabile? A questa domanda le restauratrici Marina Vincenti e Daniela Manna hanno riposto in maniera insolita e innovativa: rivolgendosi all’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, per chiedere il loro supporto e un “esercito” di batteri pronti a eliminare i depositi di varia natura che offuscavano la bellezza delle statue che ornano i monumenti funebri di Lorenzo e Giuliano de’ Medici, i capolavori di Michelangelo situati nella Sacrestia Nuova delle Cappelle Medicee, a Firenze.

Avvicinarsi con le tecniche abituali di restauro alle quattro Ore del Giorno (le coppie di statue raffigurano infatti il Giorno e la Notte, l’Aurora e il Crepuscolo) era considerato infatti troppo rischioso: da qui il tentativo di impiegare i batteri come già è avvenuto con successo nei Giardini Vaticani.

 

La scelta di utilizzare i “batteri restauratori” si è rivelata vincente: dopo ben otto anni di intervento – di cui solo gli ultimi hanno visto il coinvolgimento dell’ENEA – i marmi michelangioleschi sono tornati al loro splendore originario. Utilizzare questi biopulitori non è stata un’impresa da poco: il primo passo è stato selezionare i tre ceppi batterici poi utilizzati per il restauro tra i 1.500 microorganismi della collezione ENEA: «La scelta dei batteri ‘giusti’ da utilizzare è una delle fasi più delicate – ha raccontato la ricercatrice ENEA Anna Rosa Sprocati - Per i capolavori di Michelangelo, in una prima fase abbiamo selezionato 11 ceppi batterici in grado di rimuovere i depositi selettivamente, senza lasciare residui e nel rispetto del marmo originale. Poi ne abbiamo individuati tre con le migliori performance di biopulitura e, fra questi, un microrganismo isolato dal suolo di una miniera sarda contaminata da metalli pesanti, molto efficace nella pulitura dell'arca marmorea del duca d’Urbino gravemente danneggiata nel passato dai processi di decomposizione, che avevano rilasciato depositi scuri lungo tutto il basamento».

 

Naturalmente, i «batteri restauratori» non sono stati lasciati liberi di proliferare sulla superficie delle sculture, anzi, la loro preparazione è stata uno dei passaggi-chiave del restauro: il team di restauro li ha incorporati a un gel che avesse la giusta consistenza e umidità per poterli applicare al marmo, dopo averli trattati – potremmo dire “mettendoli a dieta” – in modo che avessero la massima efficacia nel trattamento.

 

Il grande valore nell’utilizzo di queste biotecnologie sta non solo nel fatto che il risultato è ottimo, ma anche nella gradualità e rispetto del materiale su cui sono applicati: altri metodi troppo invasivi utilizzati in passato avevano intaccato la superficie delle statue, mentre questi batteri hanno eseguito il proprio compito senza andare oltre, mostrando tutta la bontà di un approccio che fonde storia dell’arte, restauro e scienza.

 

Non solo batteri restauratori: le biotecnologie del futuro passano anche da loro

Non solo batteri restauratori: le biotecnologie del futuro passano anche da loro

Le applicazioni di queste biotecnologie, ovviamente, non si fermano al nostro patrimonio artistico: «Noi siamo biologhe ‘raccoglitrici’ di batteri spontanei, utili e innocui, che custodiamo in un archivio ENEA, come vere fabbriche di enzimi e molecole per pulire opere d’arte, […] ma anche per applicazioni altrettanto importanti di risanamento ambientale» sottolineano le ricercatrici del Laboratorio di Osservazioni e Misure per l’ambiente e il clima dell’ENEA.

 

Questo «archivio dei microrganismi» del Centro Ricerche ENEA Casaccia conta infatti circa 1.500 tra batteri, funghi, alghe e virus, ed è partner del Microbial Resource Research Infrastructure - MIRRI, un grande network di centri europei per la salvaguardia della biodiversità microbica a fini di sostenibilità ambientale, sviluppo biotecnologico e crescita della bioeconomia.

Le potenzialità di questi batteri, da applicare in biotecnologie future, sono davvero enormi: i ricercatori credono che potranno giocare un ruolo fondamentale in tantissimi campi, dall’agricoltura sostenibile, alla cosmetica, alla farmaceutica fino alle applicazioni mediche, che si pensa possano rivoluzionare il campo dei vaccini e delle cure oncologiche.

Ad esempio, ricordi quando abbiamo parlato di batteri mangia plastica e della PETasi? La ricerca su questi enzimi sta procedendo, e gli scienziati che se ne occupano – come racconta qui il Guardian – hanno affermato di aver velocizzato il processo di digestione della plastica di ben sei volte, agendo su questi microorganismi grazie alle tecniche più avanzate di biotecnologia.

 

Curiosa con noi nel mondo dei batteri mangia-plastica

Innovazione

Articoli correlati

Tutto quello che c'è da sapere sulla crisi energetica attuale La crisi energetica attuale sta comportando dei rincari delle bollette per tutti, ma il problema è ben più esteso: approfondiamo insieme cosa sta succedendo 21 ottobre 2021NUOVE ENERGIE I treni a idrogeno verde arrivano anche in Italia I primi treni passeggeri a idrogeno arrivano anche in Italia e puntano a diventare un pilastro della transizione verde: ma come funzionano? 14 ottobre 2021NUOVE ENERGIE Smart Working e bollette: difendersi dai rincari di ottobre Uno dei pochi lati negativi dello Smart Working è l’aumento dei consumi e quindi del costo delle bollette, ma attenzione soprattutto ai rincari legati ai prezzi delle materie prime 2 settembre 2021NUOVE ENERGIE I Bitcoin e l'inquinamento: anche il mondo digitale crea emissioni Bitcoin e gas serra ti sembrano due argomenti molto distanti? In realtà per alimentare la rete bitcoin è necessaria una grande produzione di energia e così inquinamento 5 agosto 2021NUOVE ENERGIE La nuova bellezza passa dal packaging sostenibile e dallo shampoo solido Uno stile di vita sostenibile passa anche dal packaging dei prodotti che usiamo quotidianamente: ecco perché lo shampoo solido è il simbolo della rivoluzione del mondo beauty 15 aprile 2021NUOVE ENERGIE Nuove etichette energetiche e diritto alla riparazione per gli elettrodomestici Stop all’obsolescenza programmata con le nuove etichette energetiche: l’UE mette sotto la sua lente gli elettrodomestici per dire basta all’usa e getta 1 aprile 2021NUOVE ENERGIE Energia solare nel deserto: una scommessa tutta da vincere E se riuscissimo a utilizzare l’energia solare del deserto, cosa succederebbe? In tanti ci hanno pensato e sono fioriti diversi progetti: scopriamoli insieme 25 marzo 2021NUOVE ENERGIE La tecnologia a servizio della salute: la telemedicina è il futuro della sanità? Monitorare i pazienti direttamente a casa loro: la telemedicina è il mezzo per una rivoluzione dell’assistenza medica a distanza. Interessante, vero? 28 gennaio 2021NUOVE ENERGIE La transizione energetica in Italia: dall'agenda 2030 al progetto di Terna Passare a un’energia pulita, attuare la decarbonizzazione deve essere un obiettivo primario: oggi scopriamo l’esempio di Terna che ha avviato la transizione energetica 14 gennaio 2021NUOVE ENERGIE Energia solare: vantaggi e svantaggi di questa energia rinnovabile Come si sfrutta l’energia solare, una delle principali tipologie di energia rinnovabile? E come funzionano i pannelli fotovoltaici? Scoprilo con noi 17 dicembre 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare sul riscaldamento e sull'energia d'inverno Ridurre le bollette e conservare un bel tepore in casa nei freddi mesi invernali, chi non lo vorrebbe? Scopri con noi come risparmiare sul riscaldamento in inverno 3 dicembre 2020NUOVE ENERGIE La raccolta differenziata e i suoi vantaggi: perché fa bene a noi e al pianeta Ormai la raccolta differenziata è diventata un’abitudine, ma ci ricordiamo come mai è meglio dividere i rifiuti? Scopri con noi tutti i vantaggi della differenziata 29 ottobre 2020NUOVE ENERGIE Energia idroelettrica: la potenza dell'acqua al nostro servizio Scopri con noi cos’è l’energia idroelettrica e come l’uomo la sfrutta da decenni per produrre energia pulita: tutta la potenza dell’acqua per noi 20 agosto 2020NUOVE ENERGIE Come migliorare l'efficienza energetica di casa e sfruttare il decreto rilancio Migliorare l’efficienza energetica di casa conviene a te e all'ambiente: ecco cosa puoi fare per migliorare le prestazioni energetiche e sfruttare il decreto rilancio 16 luglio 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare con il condizionatore per bollette leggere anche d'estate Come risparmiare con il condizionatore quando fuori casa fa caldissimo? Leggi il nostro post e scopri i consigli per usare il condizionatore al meglio e risparmiare 18 giugno 2020NUOVE ENERGIE Come funziona l'ecobonus al 110% previsto dal Decreto Rilancio Vuoi sapere se puoi beneficiare del nuovo ecobonus e sismabonus ma ti è poco chiaro? Scopri con noi come funziona l'ecobonus al 110% previsto dal Decreto Rilancio 21 maggio 2020NUOVE ENERGIE Cos'è l'architettura ecosostenibile e come applicarla nelle nostre case Forse non ci hai mai pensato, ma anche la tua casa può essere ecologica. Come? Con l’architettura ecosostenibile: scopri con noi qualche esempio da cui trarre ispirazione 14 maggio 2020NUOVE ENERGIE Come risparmiare energia elettrica: i consigli (e un aiuto) di ABenergie Leggi il nostro decalogo di azioni pratiche e semplici per risparmiare energia elettrica in casa, consumando meno e risparmiando denaro 23 aprile 2020NUOVE ENERGIE Tariffa monoraria o bioraria, oppure trioraria: quale conviene? Tariffa monoraria o bioraria, oppure ancora trioraria: scegliere sembra complicato, ma non lo è. Leggi il nostro post per capire quale tariffa ti conviene di più 5 marzo 2020NUOVE ENERGIE Auto elettriche pro e contro: sono davvero ecologiche? Prima di acquistare un’auto elettrica ci sono molti aspetti da considerare. Scopri con noi tutti i pro e contro dell’auto elettrica 12 febbraio 2020NUOVE ENERGIE Ecobonus 2020 e detrazioni fiscali: iniziamo l'anno all'insegna della riqualificazione Nella nuova legge di bilancio, ecobonus e detrazioni fiscali per le aziende sono rinnovate anche per il 2020. Come funzionano? Ecco tutte le informazioni pratiche 15 gennaio 2020NUOVE ENERGIE Energia eolica: vantaggi e svantaggi di questa fonte rinnovabile Si sente sempre parlare di quanto l’eolico possa funzionare in Italia, ma è vero? Quali vantaggi e svantaggi comporta questa forma di energia pulita? 4 dicembre 2019NUOVE ENERGIE
LEGGI TUTTI