Messaggio di errore Notice: Undefined index: article in custom_search_form_alter() (linea 292 di /home/abenergie/public_html/sites/all/modules/custom_search/custom_search.module).
Venerdì, 7 Febbraio, 2014

 

Il punto più alto è, in tutte le cose, il punto più difficile da raggiungere. Lo è nell’alpinismo (fisicamente) e lo è nell’arte (metaforicamente). Ma lo è in generale nella vita: la vetta è il simbolo eterno di ogni meta, di ogni impresa. 

Dopo diverse peripezie, Francesco e Marco sono riusciti a ottenere i permessi per visitare il sito di ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) sull’altopiano del Chajnantor, il più grande progetto astronomico al mondo. Tappa più alta del loro viaggio (quota 5000 m), prevista per domani.

È la vetta della loro avventura, ma non una vetta a punta, come siamo abituati a immaginarci, bensì un luogo apicale difficilmente prefigurabile.

Il Chajnantor è infatti un vasto altipiano che poco ha a che spartire con altri paesaggi terrestri. Cime e vulcani attorniano questa superficie rossastra, interrotta qua e là dal bianco delle distese di sale e delle formazioni di ghiaccio. L’aria è estremamente secca e rarefatta. E il cielo…

Il cielo è a un passo da noi su questo vasto altipiano, tanto che le stelle sembra vi danzino. Il cielo è a un passo da noi, a un passo di danza…

dal “campo base” ABenergie (Bergamo)

 

Top